Daily Word Italia

 

Un coro di NO ai rifiuti di Roma a Civitavecchia

Un coro di NO ai rifiuti di Roma a Civitavecchia
Luglio 08
14:48 2019

“Forte presa di posizione della Lega di Civitavecchia contro l’ordinanza firmata ieri dal Presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti che di fatto ci regala un aumento, non ben determinato, dei rifiuti di Roma, in piena emergenza a causa della pessima gestione della Sindaca 5 stelle Virginia Raggi.“Siamo semplicemente sbalorditi di come un Presidente della Regione che in 7 anni di amministrazione non è riuscito ad elaborare un nuovo piano dei rifiuti possa pensare di trasformare alcune città delle sue provincie nelle discariche di Roma.

L’ordinanza emanata ieri, che non aveva come destinatari per conoscenza nemmeno i Sindaci dei comuni interessati, di fatto ci impone un conferimento nella discarica di Fosso Crepacuore di un quantitativo non ben identificato dell’immondizia di Roma. Non lo possiamo accettare, così come non possiamo tollerare oltre che i tre consiglieri regionali Civitavecchiesi,  di cui due assolutamente vicini e centrali nella maggioranza PD targata Zingaretti, non abbiano fatto nulla non solo per impedirlo ma che nemmeno si siano premurati di avvertire una Città che non può permettersi altre sollecitazioni in negativo sul fronte ambientale.

Non permetteremo che questa soluzione imposta dall’alto si traduca in un carico per i cittadini, che sia sotto forma di super imposte o imposte straordinarie, pur causate esclusivamente dal malgoverno di altri. Siamo pronti, con in testa in nostro Sindaco Tedesco e con un’unione di intenti con gli altri comuni interessati, a farci sentire e a sollecitare una soluzione immediata a tutti i livelli da parte dei nostri rappresentanti al Governo, in Parlamento e in Regione Lazio. Ce lo chiede il nostro territorio, che ci ha scelti per governare bene la Città e non accetteremo soprusi di nessun tipo”.  

Lega con Salvini – Civitavecchia

“L’associazione ambientalista Fare Verde esprime tutta la sua contrarietà all’ordinanza regionale che impone alle discariche dei comuni fuori Roma di accogliere i rifiuti della Capitale.

«La situazione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti nella Capitale è drammatica – dichiara Fare Verde Civitavecchia – ogni giorno cassonetti stracolmi e cumuli d’immondizia vengono dati alle fiamme. I cittadini romani sono esasperati. Adesso arriva l’ordinanza del governatore regionale Zingaretti che, di fatto, commissaria l’Ama e il Comune di Roma e trasferisce i rifiuti della capitale in sei comuni della regione, compreso il comune di Civitavecchia.

L’amministrazione capitolina – continuano dall’associazione ambientalista – avvii una seria politica per la raccolta differenziata, la riduzione alla fonte degli imballaggi, il recupero e riutilizzo dei rifiuti perché è un suo dovere.  E’ paradossale pensare di poter amministrare la Capitale d’Italia scaricando sulla provincia oneri e responsabilità. Ricordiamo alla sindaca Raggi e al Presidente Zingaretti che su Civitavecchia insistono già servitù industriali importanti, come una centrale elettrica a carbone, un porto internazionale, una piattaforma petrolifera marina, un centro chimico militare e, da qualche mese, anche un forno crematorio. Il compito della politica è di tutelare i territori disagiati e salvaguardare le popolazioni che vi abitano evitandogli, perlomeno, ulteriori servitù e fonti inquinanti.

Le province non devono diventare la discarica di Roma – conclude Fare Verde – siamo al fianco dei nostri concittadini e di tutte le popolazioni locali colpite da questa ordinanza perché difendiamo l’ambiente e la salute pubblica».

Associazione ambientalista Fare Verde – Civitavecchia

“I consiglieri Morbidelli e Galizia unitamente al coordinamento del Circolo Giorgio Almirante esprimono la propria contrarietà al conferimento dei rifiuti capitolini in Città.Siamo pronti ad avviare ogni tipo di mobilitazione, contrasteremo in ogni modo l’ordinanza emessa il 5 luglio dal Presidente Zingaretti, coinvolgendo in questa battaglia i nostri consiglieri regionali ed i parlamentari del nostro Partito, sempre in prima linea, anche nel recente passato, nelle battaglie a difesa del nostro territorio. Il piano dei rifiuti di Zingaretti è una promessa nn mantenuta da ormai 5 anni ; la gestione dei rifiuti della giunta Raggi ha generato ammassi di rifiuti in ogni angolo della capitale, tale da screditare l’immagine dell’ intera nazione.

Prendiamo atto che il 1 luglio anche l’ordine dei medici ha manifestato seria preoccupazione per la possibilità di diffusione di malattie legate alla proliferazione di germi e parassiti.A fronte di tale disastrosa gestione di Regione Lazio e Comune di Roma, Civitavecchia nn può assolutamente farsi carico di problemi legati alla mal gestione di enti superiori.Auspichiamo la collaborazione dei referenti cittadini di movimento 5 stelle e Pd che ad oggi nn hanno dimostrato grande contrarietà alle decisioni romane, anche loro si facciano carico della incresciosa situazione che ha portato Civitavecchia ancora una volta ad essere vittima di decisioni calate dall alto. L’ordinanza del Presidente Zingaretti al cap 2 art 178 recita testualmente “ chi inquina paga” , questa volta non può pagare Civitavecchia!!!”.

Simona Galizia e Roberta Morbidelli (Consiglieri comunali di Fratelli d’Italia)

Il Coordinamento del circolo territoriale di Civitavecchia “Giorgio Almirante” di Fratelli d’Italia

Social:

Articoli Collegati

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi aggiungerne uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento

Rispondi




Classifica Serie A offerta da www.Livescore.it

Mailing List

Meteo

Meteo Lazio
WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien