Daily Word Italia

 

 Breaking News

Papa Francesco sui migranti, “Osservare i limiti imposti dal diritto internazionale umanitario”

Papa Francesco sui migranti, “Osservare i limiti imposti dal diritto internazionale umanitario”
Agosto 13
09:52 2019

Un monito importante quello lanciato da Papa Francesco in occasione del 70° anniversario delle Convenzioni di Ginevra e riguardante l’importanza di intervenire, quando necessario, in difesa delle popolazioni richiedenti aiuto o asilo. Un messaggio che fa riferimento, in particolare, al soccorso ai migranti in arrivo dalla Libia attraversando il Mediterraneo e che, per effetto del Decreto Sicurezza Bis voluto dal ministro e leader della Lega Matteo Salvini, quando a bordo di navi delle Ong, non hanno il permesso di sbarcare nei porti italiani. Come l’imbarcazione Open Arms da giorni bloccata al largo di Lampedusa con 160 migranti a bordo, impossibilitata a raggiungere un porto fino a quando non otterrà esplicita autorizzazione.

“Tutti – ha sottolineato Bergoglio – sono tenuti a osservare i limiti imposti dal diritto internazionale umanitario, proteggendo le popolazioni inermi e le strutture civili, specialmente ospedali, scuole, luoghi di culto, campi-profughi”. Il Santo Padre ha definito le Convenzioni di Ginevra “importanti strumenti giuridici internazionali che impongono limiti all’uso della forza e sono volti alla protezione di civili e prigionieri in tempo di guerra. Possa questa ricorrenza rendere gli Stati sempre più consapevoli della necessità imprescindibile di tutelare la vita e la dignità delle vittime dei conflitti armati proteggendo le popolazioni inermi e le strutture civili, specialmente ospedali, scuole, luoghi di culto, campi profughi”. Già nei giorni scorsi, nel corso di un’intervista alla Stampa, Papa Francesco aveva ammesso di nutrire una certa preoccupazione in merito a “discorsi che assomigliano a quelli di Hitler nel 1934“.

In tale occasione il Papa ha definito il sovranismo “chiusura” spiegando che “un paese deve essere sovrano, ma non chiuso” e ricordando dunque l’importanza di promuovere proficui rapporti con gli altri paesi poichè, ha aggiunto, il sovranismo è “un’esagerazione che finisce male sempre” e che “porta alle guerre” e ricordando infine che “il popolo è sovrano, ha un modo di pensare, di esprimersi e di sentire, di valutare, invece i populismi ci portano a sovranismi: quel suffisso, ‘ismi’, on fa mai bene”.

Al termine dell’Angelus domenicale, il Pontefice ha infine voluto ribadire che “la guerra e il terrorismo sono sempre una grave perdita per l’intera umanità, sono la grande sconfitta umana”.

Daniele Orlandi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags
Social:

Articoli Collegati

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi aggiungerne uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento

Rispondi




Classifica Serie A offerta da www.Livescore.it

Mailing List

Meteo

Meteo Lazio
WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien