Daily Word Italia

 

L’autore dell’attentato di via Rasella abitava in estate a Santa Marinella e Santa Severa

L’autore dell’attentato di via Rasella abitava in estate a Santa Marinella e Santa Severa
Marzo 22
22:15 2018

“Da una ricerca nell’Archivio Storico del Senato – racconta il prof. Livio Spinelli – risulta che Rosario Bentivegna frequentava fin da piccolo Santa Marinella e Santa Severa. Santa Marinella era anche il luogo di vacanze prediletto da Michele di Veroli in anni spensierati, ignaro del suo tragico futuro, come si legge in un libro di Silvio Caratelli. Ricordo quando a S.Marinella venne una troupe della TV tedesca a intervistare Silvio, che conosceva Michele e suo padre, tanto che da Sindaco il primo atto che fece fu quello di intitolare una Via al povero Michele. Silvio era stato uno di coloro che individuarono la grotta fatta saltare dai nazisti per nascondere i corpi dei caduti alle ardeatine.  Si è da poco celebrata la Giornata della Memoria, e siamo già al 23 marzo, a 74 anni dal tragico attentato dei Gap a via Rasella.

Fu il più sanguinoso e clamoroso attentato urbano antitedesco in tutta l’Europa occidentale. L’azione compiuta da una dozzina di gappisti, tra cui Rosario Bentivegna, consistette nella detonazione di un ordigno esplosivo al passaggio di un reparto delle forze d’occupazione tedesche, composto da reclute altoatesine, e il lancio di quattro bombe a mano sui superstiti, che causò la morte di trentatré soldati altoatesini tedeschi due civili italiani, mentre altre quattro persone caddero sotto il fuoco di reazione tedesco. Il 24 marzo, senza nessun preavviso, seguì la rappresaglia tedesca con l’eccidio delle Fosse Ardeatine, in cui furono uccisi 335 prigionieri completamente estranei all’azione gappista. Rosario Bentivegna – come scrive Michela Ponzani – nel 1937, durante le vacanze a Santa Severa, se ne stava spesso a “chiacchierare di massimi sistemi” col suo amico Luciano Vella, divenuto anni più tardi uno dei massimi dirigenti del Partito comunista italiano e combattente dei Gap centrali.  E’ in quell’estate a Santa Severa che la fiducia di Rosario nel fascismo comincia a incrinarsi, tanto da finire qualche anno dopo a ritrovarsi nelle file dei Gap.

Questo itinerario della memoria prosegue con un poemetto di Egidio Cristini (foto di copertina), “il poeta muratore”, tolfetano ma da sempre residente a S.Marinella, intitolato “Il massacro dei 320” in ricordo dei suoi amici caduti alle fosse ardeatine: Antonio Margioni e Alfredo Chiricozzi di Civitavecchia. Egidio recitò questo pometto in TV durante una trasmissione della RAI e Papa Pio XII lo invitò a Castel Gandolfo in udienza privata per ascoltarlo. A questo itinerario si aggiunge anche il Santamarinellese Guirillo Camboni, classe 1927, in ricordo del suo coetaneo e amico di infanzia A.Calò (soprannominato Lupetto), uno dei pochi a far ritorno a Roma dai campi di sterminio nazisti, con la sua poesia: “In memoria degli amici perduti e a tutti quelli che abbiamo amati e non sono tornati”.

A Santa Marinella c’è anche un’altra strada di questo lungo itinerario: Via Salvo D’Acquisto, il Carabiniere Medaglia d’oro che salvò due cittadini di Santa Marinella  col sacrificio della propria vita,  arrestati a Torrimpietra per essere passati alle armi come rappresaglia ad un “attentato”, in cui morì un soldato tedesco. In quella terribile giornata, caso volle che a Torrimpietra un venditore e un commerciante di Santa Marinella: Oreste Mannocci e Sergio Manzoni, diretti a Roma, incapparono nel rastrellamento di civili e vennero condotti insieme agli altri nel luogo dell’esecuzione dove iniziarono a scavare la possa prima di essere passati per le armi. I due nomi infatti spiccano nell’elenco di quei 22 stilato dal Comitato Salvo d’Acquisto”.

Prof. Livio Spinelli

 

 

Tags
Social:

Articoli Collegati

0 Commenti

Non ci sono commenti

Non ci sono commenti, vuoi aggiungerne uno?

Scrivi un commento

Scrivi un Commento

Rispondi




Classifica Serie A offerta da www.Livescore.it

Mailing List

Meteo

Meteo Lazio
WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien